• contributofacile

Se perdi soldi ci sarà un motivo…

Continuate a scriverci chiedendo per quale motivo l’Italia continua a perdere soldi che dovrebbe invece ottenere dalla comunità europea.. E come si vede dai dati sole 24 ore si tratta di perdere tutti gli anni il 40%!


Come abbiamo più volte detto è legato al fatto che purtroppo e ripeto purtroppo per sfruttare agevolazioni e contributi bisogna pianificare molto bene tali investimenti . Visto che la nostra materia (finanza agevolata) varia molto a seconda dell’azienda che si ha di fronte, dobbiamo entrare nel merito di quello di cui vi occupate per capire quali strumenti si possono realmente sfruttare.

  • Quanti dipendenti avete oggi in azienda?

  • Quante di questi sono donne?

  • Quanti soci ci sono?

  • Come vengono prese le decisioni in azienda?

  • Che volume d’affari avete?

  • Quanto avete fatturato l’anno scorso?

  • Esportate anche all’estero?

  • verso quali paesi? Con quali percentuali di fatturato?

  • Avete un ufficio tecnico? Quante persone ci lavorano?

  • Questa è l’unica sede o ne avete altre (ad es. altre sedi operative)?

  • Siete iscritti a qualche associazione di categoria?

Insomma dipende da moltissime variabili e non è immediatamente verificabile se ammissibili ad un contributo. Prima di tutto bisogna capire se la Vostra azienda sia eleggibile al bando, ossia se possa prendere questi soldi! Sono cinque i punti cardine da tenere presente:


  1. I codici Ateco d’attività:cioè quello che fate (un’azienda produttiva è diversa da un’azienda di servizi.. ad esempio)

  2. La compagine societaria: Quanti soci, l’età e/o il sesso di questi determina a volta il SI o il NO di fronte ad un bando

  3. Le dimensioni aziendali: In base a quanti dipendenti e dal fatturato, infatti, si viene automaticamente catalogati come “micro/piccola/media/grande impresa” ed in funzione di questo potrete accedere ad alcuni bandi e non ad altri.

  4. La geo-localizzazione: dove si trova la vs. sede amministrativa e le vs. eventuali sedi operative (Bergamo è diverso da Verona, da Trieste o da Napoli…)

  5. Gli investimenti e le spese correnti: che avete fatto o avete da fare


Capirete bene che sulla base di questi cinque punti non esiste oggi in Italia un’azienda uguale ad un altra! Ed è proprio per questo che avere un report dettagliato dei bandi che si possono sfruttare o meno è fondamentale! Come risulta chiaro i parametri sono diversi e da conoscere bene! Non si possono chiedere contributi senza essere seguiti da partner affidabili e soprattutto senza pianificare bene i propri investimenti!


Contattaci oggi stesso per un incontro conoscitivo e capiremo il percorso che potrà intraprendere la tua azienda!